Bando Fermenti – adesioni aperte fino al 3 giugno 2019

Il Dipartimento per le politiche giovanili www.politichegiovanili.gov.it/ e il Servizio civile universale, in collaborazione con il Dipartimento per le pari opportunità www.pariopportunita.gov.it/ promuovono il Bando Fermenti, finalizzato a favorire e sostenere idee, progetti ed iniziative capaci di attivare i giovani rispetto alle sfide sociali del Paese, mirando in particolare alle 5 tematiche evidenziate più sotto.
Inoltre, il Bando Fermenti intende promuovere la creazione di nuove opportunità di partecipazione inclusiva alla vita economica, sociale e democratica per i giovani, anche al fine di promuovere lo sviluppo e la crescita dei territori del Paese e, soprattutto, di quei territori caratterizzati da minori opportunità per i giovani, mediante l’agevolazione di progettualità a vocazione sociale.

Beneficiari
Il bando è rivolto a:

  • gruppi informali” ovvero gruppi con un minimo di tre ed un massimo di cinque soggetti di età compresa tra i diciotto e i trentacinque anni;
  • oppure ad “associazioni temporanee di scopo” (ATS) tra soggetti che, sulla base della normativa vigente, sono qualificati Enti del Terzo Settore (quindi anche le imprese sociali e le cooperative sociali) costituite da un massimo di tre enti (incluso il soggetto capofila), il cui direttivo (leggi anche C.d.A. per le imprese/cooperative sociali) è costituito per la maggioranza da giovani tra i diciotto e i trentacinque anni.

 

Iniziative ammissibili
Attraverso la condivisione di idee e competenze diversificate, di esperienze e pratiche da sperimentare e già sperimentate, il Bando Fermenti incentiva lo sviluppo di progetti a carattere locale e/o nazionale capaci di
esplorare le sfide sociali fondamentali per i giovani e generare nuove possibilità e soluzioni a problemi e priorità comuni che impattano sulla comunità.
Sono cinque, in particolare, le sfide sociali individuate come prioritarie per le quali viene chiesto di proporre idee e sviluppare progetti:

  • Uguaglianza per tutti i generi;
  • Inclusione e partecipazione;
  • Formazione e cultura;
  • Spazi, ambiente e territorio;
  • Autonomia, welfare, benessere e salute.

Contributi
La dotazione finanziaria per l’attuazione dell’intervento è pari ad euro 15.950.000,00.
La richiesta di finanziamento pubblico per ciascuna proposta progettuale e progetto esecutivo, presentata da:

  • un “gruppo informale”, a pena di esclusione, non può essere inferiore a euro 30.000,00 e superiore a euro 100.000,00.
  • una ATS, a pena di esclusione, non può essere inferiore a euro 100.000,00 e superiore a euro 450.000,00.

I finanziamenti di progetti esecutivi aventi ad oggetto l’esercizio di una attività economica sono concessi secondo i parametri previsti dal Regolamento (UE) n. 1407/2013 «de minimis».
Una delle novità più rilevanti del bando è la disponibilità a titolo gratuito di servizi di accompagnamento e di accelerazione, gestiti da esperti di processi di incubazione, per la predisposizione delle proposte
progettuali di chi è meno esperto e per l’elaborazione dei successivi progetti esecutivi.

Il bando prevede altresì un bonus per progetti sinergici per un ammontare complessivo di euro 1.450.000,00.

In sede di predisposizione dei progetti esecutivi i soggetti proponenti, utilmente inseriti nella graduatoria preliminare, possono sottoscrivere, infatti, accordi di partenariato per lo sviluppo sinergico di contenuti e obiettivi ulteriori dei rispettivi progetti, che conferiscano ai medesimi valore aggiuntivo:

  • sia con riguardo all’obiettivo da realizzare;
  • sia con riguardo all’impatto positivo sui relativi ambiti territoriali e/o tematici rispetto alla singola proposta progettuale.

 

Tali contenuti costituiscono il progetto esecutivo sinergico che i partner presentano congiuntamente al Dipartimento e che è elaborato secondo il modello che sarà pubblicato dal Dipartimento.

Procedure e termini
È possibile presentare la domanda di partecipazione, tutti gli allegati richiesti (compilati secondo i modelli allegati al bando) e la proposta progettuale, esclusivamente via PEC all’indirizzo
giovanieserviziocivile@pec.governo.it entro e non oltre le ore 14.00 del 3 giugno 2019.

Riferimenti normativi
Bando FERMENTI

Contatto per info:
Confcooperative Udine

dott. Stefano Chiandetti

chiandetti.s@confcooperative.it

Cell. 340/3857217.

 

SCHEDA AGEVOLAZIONI

2019-04-15-IT9419